7 semplici abitudini per essere un freelance di successo

June 18, 2019
Federica
Avvia il tuo business

Quali sono le abitudini che possono determinare il successo di un freelance e le attività più importanti da tenere a mente quando si intraprende la carriera da libero professionista? Scopriamole insieme in questo articolo.

7 semplici abitudini per essere un freelance di successo
2. Definisci sempre un anticipo e un acconto del pagamento
1. Crea un contratto per ogni nuova collaborazione
4. Individua una specializzazione
5. Realizza un portfolio efficace
3. Impara a dire di no

7 semplici abitudini per essere un freelance di successo

Oltre a lavorare con le proprie passioni, essere un freelance significa affrontare sfide quotidiane, soprattutto per chi è agli inizi o lavora da solo.

Senza avere un’indicazione o una guida chiara di quali siano le attività fondamentali da svolgere per avere una carriera di successo come freelance, può essere difficile trovare la propria strada.

Sappiamo quanto possa essere forte la sensazione di smarrimento e confusione di fronte a tutti gli impegni quotidiani da libero professionista, sia di business che burocratici.

Ecco perché, all’interno del Penta blog, ogni settimana condividiamo articoli e guide gratuite per aiutare i freelance ad affrontare la propria professione con strategie chiare ed efficaci, condividendo consigli su Come trovare nuovi clienti oppure Come fare una fattura professionale.

E dato che amiamo fornire consigli e strumenti pratici, nell’articolo di oggi vogliamo condividere le 7 semplici abitudini per essere un freelance di successo, attività e accorgimenti che, se applicherai al tuo business con costanza, potranno fare la differenza nella crescita della tua attività.

1. Crea un contratto per ogni nuova collaborazione

Dell’importanza del contratto per ogni nuova collaborazione ne abbiamo già parlato in questo articolo, infatti il contratto è uno strumento fondamentale per la tutela di entrambe le parti (professionista e cliente) e per evitare spiacevoli fraintendimenti o sorprese.

Ecco gli elementi più importanti di un contratto per un freelance:

  • i dati anagrafici
  • i tempi del progetto
  • le attività comprese e le attività escluse
  • il compenso
  • la risoluzione del contratto

Soprattutto agli inizi, non è necessario dedicare eccessivo tempo alla redazione di un contratto perfetto, l’importante è che questo contenga gli elementi fondamentali per la tutela delle parti. Ovviamente in un periodo successivo sarà possibile perfezionarlo, magari con l’aiuto di un professionista.

2. Definisci sempre un anticipo e un acconto del pagamento

Per evitare spiacevoli situazioni come pagamenti in ritardo o addirittura mancati, è importante definire fin da prima dell’inizio della collaborazione le modalità e le tempistiche di pagamento, ovviamente includendo anticipi e acconti.

Solitamente si richiede una percentuale del pagamento totale prima di iniziare il progetto, una a circa metà progetto e la restante al completamento e alla consegna del risultato finale.

Grazie a questi accorgimenti potrai ridurre al minimo le probabilità di essere pagato in ritardo e ricorda: se un cliente non dovesse accettare le tue condizioni di pagamento, probabilmente non si tratta del giusto cliente per te!

3. Impara a dire di no

Quando si intraprende una carriera da libero professionista, è importante definire gli obiettivi relativi al proprio percorso professionale.

In quale campo voglio affermarmi come professionista?

Con che tipo di clienti voglio lavorare?

Che tipo di progetti voglio seguire?

Queste sono solo alcune delle domande da porsi durante il proprio percorso di freelancing.

Una volta definite le risposte è quindi di fondamentale importanza iniziare a lavorare con clienti e progetti che siano coerenti con i propri obiettivi, e rifiutare quelli che rischierebbero di portarci “fuori strada” o di non creare sufficiente valore per la nostra carriera.

Soprattutto agli inizi, non sarà facile essere selettivi e imparare a dire di no alle opportunità meno interessanti, ma sarà fondamentale per evitare stress, demotivazione e rischiare di ritrovarsi sommersi dal lavoro o, peggio ancora, perdere opportunità importanti.

4. Individua una specializzazione

Nel mondo del freelancing la competizione è alta e si trovano numerosi professionisti preparati e capaci.

Fatta questa considerazione, è importante capire che l’atteggiamento vincente non è cercare di entrare in competizione con la maggioranza dei liberi professionisti presenti sul mercato ma individuare una specializzazione e rendere unici i propri servizi.

Offrire una scelta limitata di servizi altamente specializzati infatti permette di ottenere risultati migliori e affermare con più facilità la propria competenza ed autorità in un determinato campo.

Inoltre la specializzazione permette di intercettare i clienti di una determinata nicchia e rende più semplice sviluppare attività di personal branding che consentono di farsi ricordare con estrema facilità dal cliente e di diventare per lui un punto di riferimento.

Ma come individuare la giusta specializzazione?

Seleziona al massimo 2 attività che ti appassionano e in cui ti senti particolarmente competente e accetta lavori appartenenti solo a quelle tue categorie. Ricorda poi di traslare tutto nel tuo personal brand!

5. Realizza un portfolio efficace

Il portfolio è uno strumento di fondamentale per ogni freelance, una vetrina che, in modo chiaro e coinvolgente, deve mostrare i progetti seguiti e risultati raggiunti dal professionista in modo da convincere un potenziale cliente ad affidarsi a lui.

Che sia un documento digitale o un portfolio online con tanto di sito web, l’importanza del portfolio non deve assolutamente essere sottovalutata.

Un errore che commettono spesso molti freelance è quello di inserire nel proprio portfolio tutti i progetti seguiti (anche quelli meno interessanti) e non lasciare sufficiente spazio per mostrare i risultati raggiunti in termini quantitativi e qualitativi.

È importante ricordare che il portfolio è il biglietto da visita del freelance di fronte al cliente, e può determinare l’ottenimento o meno di un lavoro.

Il consiglio che ti diamo quindi è quello di cercare di realizzare un portfolio quanto più interessante e che, soprattutto, racchiuda al suo interno tipologie di progetti che rispecchiano i lavori che vorresti svolgere e non quelli che non ti interessano realmente.

In qualunque campo tu voglia specializzarti, cerca di rendere il portfolio coerente con questa scelta e di inserirvi solo i progetti più interessanti per la tua nicchia.

Ad esempio il graphic designer che desidera specializzarsi nella creazione di loghi dovrà inserire nel proprio portfolio lavori di logo design e non altri tipi di illustrazioni.

6. Tieni traccia dei tuoi risultati

Regola numero 1 per ogni freelance: tieni d’occhio i tuoi numeri!

Solo perché lavori da solo non significa che tu non sia un imprenditore, e ogni bravo imprenditore deve tenere traccia dei suoi risultati e avere una visione chiara della propria situazione economica e finanziaria.

Ecco le domande a cui dovresti saper rispondere in ogni momento della tua giornata:

Quanto hai bisogno di guadagnare al mese per vivere in tranquillità?

Quanto tempo trascorri su determinate attività e quanto profitto ti generano?

Quanto dovrai mettere da parte per pagare le tasse?

Quali fatture ti sono già state pagate e quali sono in scadenza?

Conoscere questi dati ti permetterà di avere maggiore consapevolezza del tuo business e di sviluppare più facilmente strategie per farlo crescere.

Renderti consapevole dei tuoi numeri è la missione che vogliamo realizzare in Penta, creando una piattaforma che permetta di avere sempre sotto controllo pagamenti e cashflow in modo semplice e chiaro.

7. Gestisci al meglio i tuoi risparmi

Un’altra comune difficoltà di molti freelance è la gestione del denaro e il calcolo corretto delle tasse da pagare.

Ad ogni pagamento incassato, suddividi i tuoi guadagni in questo modo:

  • Una % da reinvestire nel tuo business (attrezzatura, formazione etc.)
  • Una % da risparmiare per il pagamento delle tasse
  • Una % di risparmi personali
  • Una % per i costi legati alla vita quotidiana (casa, spesa etc.)

Penta è la piattaforma semplice e intuitiva che ti aiuta ad avere una visione sempre chiara ed aggiornata del tuo business, supportandoti nelle decisioni di ogni giorno.

caricamento

Potrebbero interessarti...

Iscriviti alla newsletter di Beesy e ricevi consigli settimanali su come far crescere il tuo business

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Beesy S.r.l. | Via Alserio 20, 20159, Milano, Italia
P.IVA: 10348740969 | N° REA MI 2524928 | Capitale sociale € 15.250 (i.v.) | beesy-srl@legalmail.it